Sono sempre più numerosi e in continua evoluzione gli elementi aggiunti a dispositivi mobile che ‘aumentano la realtà’ permettendo di andare oltre ciò che è naturalmente percepibile attraverso i cinque sensi.

In particolare è in atto una rivoluzione per i consumatori nel mondo dello shopping e per i rivenditori nel modo di fare marketing. Il classico negozio in cui si acquista assistiti dagli addetti alle vendite non è destinato a scomparire ma si trova certamente coinvolto in una fase di mutazione a causa dell’ incremento nell’ utilizzo di telefoni, pc e tablet. Dopo l’ avvento dell’ e-commerce, alcuni hanno deciso di affidarsi al nuovo modo di comprare online; tuttavia il commercio di tipo elettronico presenta numerose problematiche. Il customer preferisce ancora il supermercato, toccare i prodotti con mano e vedere altre persone. La cosa che si sta veramente cercando di far evolvere è il modo di far la spesa, permettendo al cliente di interagire col rivenditore fra gli scaffali del supermercato.

Dopo i Totem e altre macchine intelligenti introdotte in nostro aiuto all’ interno dei punti vendita, ecco la novità: IBM offre una nuova applicazione mobile dedicata allo shopping. Chiunque possieda uno smartphone con videocamera, può scaricare l’ applicazione all’ interno del negozio e creare il proprio profilo utente, in cui inserire qualsiasi genere di informazione, preferenze o allergie a determinati cibi. Puntando la fotocamera dell’ apparecchio sui codici dei prodotti esposti, si ottiene un insieme dettagliato di informazioni utili per l’ acquisto. L’ app immagazzina automaticamente i dati dell’ utente e mostra eventuali commenti su quel prodotto lasciati da altri. Ciò permette di fare una spesa intelligente, aiutati dall’ opinione altrui e da notizie aggiuntive senza dover ricorrere al solito commesso. A cambiare è anche la fidelizzazione della clientela, con buoni digitali spendibili più comodamente. Utile anche e soprattutto ai rivenditori, che avranno così le idee chiare su cosa preferisce il consumatore.

Non tutti saranno preparati o interessati a passare a questo modo di fare shopping e inizialmente i meno tecnologici mostreranno scetticismo, ma sicuramente in poco tempo nessuno potrà più rimanere impassibile di fronte all’ evidente continua evoluzione nel modo di svolgere anche le cose più semplici, come fare la spesa.

 

fonte immagine: www.google.it/search