L’associazione nazionale delle imprese ICT comunica i numeri della sua ricerca: 200 mila le aziende digitali italiane.

E’ cambiato, e il trend è in crescita, il modo di fare Made in Italy da parte delle piccole e medie imprese.

Noi di Foodboutique ne abbiamo parlato come relatori sabato scorso, a Rovigo, durante la presentazione del progetto nazionaleDistretti sul Web“, sviluppato da Google e Unioncamere.

Il Distretto Ittico di Rovigo è uno dei 20 distretti pilota a sperimentare l’importanza del web nello sviluppo produttivo.

Federica Bordin, project manager di Foodboutique, afferma:  ”Il mercato di riferimento è cambiato, il modo di fare azienda è cambiato, il modo di comunicare è cambiato, dobbiamo solo prenderne atto!”

Molte le case history raccontate durante questo incontro e molte le opportunità che possono e devono emergere.

Rivamar è proprio una di quelle aziende che, rivolgendosi ai professionisti di Foodboutique, ha raggiunto risultati eccellenti, anche oltre le aspettative, proprio perché l’interesse per il web nel settore alimentare, nelle sue numerose sfaccettature, ha tantissimi interlocutori e appassionati, che non fanno altro che portare rilievo al brand.
Le potenzialità per le imprese sono perciò enormi.

Google, aiutando i distretti sul web e l’economia italiana in generale, collabora in modo significativo a traghettare sul web le aziende, in questo caso parliamo del settore food e dei prodotti ittici.
L’occasione data dal web, in questo caso, è quella prima di tutto di avere una visibilità mondiale per il commercio del pesce del mare adriatico, e in seconda istanza di costruire un canale di commercio online che amplierebbe le vendite del prodotto in modo significativo, e con investimenti davvero minimi.

Non solo: la grande possibilità data dal web ad un imprenditore è quella di poter raccontare la propria storia, far sentire la propria voce.

Seguendo l’hasthag ufficiale ‎#distrettisulwebrovigo e guardando il video dell’evento, è possibile, anche per chi non ha seguito la diretta web, ascoltare gli interventi degli esperti del settore.

Aspettiamo i vostri feedback!